Kaos, il regno delle tante Sicilie

Sono ancora inkasinato. 
Due giorni di Kaos ti segnano. 
È come se ti cadesse in testa una montagna di libri e tutti tomi con la copertina rigida. 
Ho vissuto a Montallegro due giorni intensi, un week end full immersion, sotto diverse vesti: presentato, presentatore, giurato, giurana. 
Ho crisi di identità: chi son? 
Felice di esserci stato, di avere dato una mano e di averne ricevuta una. 
Ora, con le mani, sono a posto: pari e patta! 
Kaos: bella gente, bella cultura, un bel luogo. 
Ho trovato il regno delle tante Sicilie: 
la Sicilia che si mette in gioco; 
la Sicilia che produce e che dà. 
La Sicilia che pensa, che crea, che scrive. 
Un arricchimento. 
Un’occasione di crescita. 
Dopo due giorni di Kaos, mi sono svegliato alto due metri: un gigante! 
Sono cresciuto la bellezza di 2 centimetri e mezzo. 
Montallegro è diventato più Montallegro. 
Il festival dell’editoria, della legalità e dell’identità siciliana 
ha trasformato un paese in una ridente comunità. 
Due giorni sono volati via. 
Le cose belle durano poco. 
Mi è rimasto dentro il mio Kaos. 
Me lo farò bastare fino al prossimo anno. 
Scrivendo, leggendo, ridendo. 
Raimondo Moncada 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑