In ascolto degli astri del cielo

Appena l’astrologo sorridente ha iniziato in tv col mio segno, quello dei pesci, ho spento. Niente più voci, niente più immagini, niente più musiche ammalianti… 
Nero stordente. 
Ho spento anche il cellulare, per ore, a cavallo tra i due anni, tra il vecchio e il nuovo. 
L’anno, il 2021, me lo segno io e me lo faccio segnare, semmai, dalle mie personali stelle che da lassù – se nel buio silenzio della notte osservo bene e non mi lascio distrarre da finte luci – mi guardano, mi illuminano, mi avvolgono e mi parlano, indicandomi il sentiero. 
Non è facile. Troppo inquinamento. Ci proverò. Sarà la mia missione spaziale: sempre più in ascolto delle mie stelle. 
Buon anno a voi e ai vostri personali e veri astri del cielo che non hanno bisogno di lettori, di medium, di interpreti. 
Raimondo Moncada 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑